browser icon
Si utilizza una versione insicura di il vostro browser web. Si prega di aggiornare il vostro browser!
Utilizzando un browser obsoleto rende il computer non sicuri. Per una più sicura, più veloce, l'esperienza utente più piacevole, si prega di aggiornare il browser oggi o provare un browser più recente.
EspañolEnglishالعربية中文(简体)DanskNederlandsFrançaisDeutschItaliano日本語NorskPortuguêsРусский

SPECIALIST

Il ciclismo specialista in diversi media, radio, tv e stampa.

Eduardo rifugi

Bulls sembrano molto buone se non si sentono direttamente il pericolo nella vostra carne. Non, Non voglio parlare di tori, il mio è in bicicletta e ho imparato ad andare in bicicletta senza rotelle a 3 anni, competere a 11 e ho iniziato professionalmente per 14 stagioni. A mis 53 Faccio ancora tra borchie 10.000 e 15.000 km all'anno, con qualità sufficiente. Perché non si vuole la cosa io sono stato 50 anni in sella a una bicicletta, eso SI, Non ho mai sentito in dovere di fare, Mi piace ancora, Se è vero, livello professionale c'è lo stesso romanticismo che hanno gradi inferiori e in bicicletta o. Così, quando si parla di ciclismo professionistico, o altri professionisti dello sport, è molto importante ascoltare gli esperti che realmente sono coloro che conoscono la realtà della loro professione.

Questo avviene perché il regista entradrilla Ciclismo Fondo, Miguel Angel Boy, suggerito da me per raccontare la mia esperienza nei media, le differenze tra la rivista, radio o la televisione.
Voi sapete che da quando ho smesso di competere, torna in 1993, Commento ciclismo ho dedicato per la prima volta con EFE Radio 1994, Ho apprezzato molto d'accordo stand Meta uno dei grandi: Luis Ocaña, con mi musa, con il pilota che mi ha spinto a cercare di seguire le sue orme, Luis ha commentato la COPE con José María García. Durante quel primo Giro di Spagna da bordo campo, ci siamo incontrati ogni giorno e ho avuto modo di conoscerlo un po 'di più come persona, come ho pensato. Pochi giorni dopo aver terminato la Vuelta mi bloccai e punge con la tragica notizia del suo suicidio, era un grande bastone che mi ha rattristato molto e mi ha fatto riflettere su quello che sarebbe stato le ragioni che hanno portato ad un importante, un lottatore di avere il coraggio di uccidersi con una fava.

Foto de 1990 con la bici Look KG-96 grupo Mavic de 1990

Foto de 1990 con la bici Look KG-96 grupo Mavic de 1990

Pochi giorni dopo ho ricevuto una telefonata direttamente da José María García a chiedersi che cosa se volevo commentare il tuo swing 1994, da, fino a quando ha lasciato il COPE, a 2000, e mi ha portato a ONDA CERO, Ero con lui e il suo team di commento su 2004, apprese mucho grandi giornalisti come Agustín Castellote, un fenomeno di narrazione come Ángel González Ucelay che si mette la pelle d'oca con il suo tono e le sue parole arguzia pieno improvvisata ed epica, Ho una frase davvero gergo del suo che in realtà ha detto che l'aria: "Mi piace, un sacco di ciclismo, Non capisco nulla ", suggerendo che intendiamo per aver praticato e sappiamo come comunicare sono molto necessari.
In Onda Cero finito il mio viaggio alla radio ed ero con il maestro e ispiratore di ogni narratore degno di questo nome: Javier Ares, anche un grande amante e conoscitore del ciclismo.

Come potete vedere ho avuto il privilegio perché posso dire che oltre a condividere molte ore con veri insegnanti dal vivo, e creare grandi amicizie, Ho imparato molto da loro e ciò che conta per i tifosi che contano uno sport. In questo senso è dove uno specialista, di comunicare bene, è essenziale per dare una situazione reale che accade Race, siamo una spiegazione manuale a informazioni continue con la massima diretta.

En la Cadena Cope con José María García y Agustín Castellote

In Cadena Cope con José María García e Agustín Castellote

Alla radio ho superato il canale televisivo internazionale Eurosport ha commentato Antonio Alix tutti gli eventi di ciclismo che molti: Classico, Parigi Nizza, Giro, Dauphiné, Giro, Olimpiade, Vuelta e Campionati del Mondo, TV è un altro mondo, se il sistema è simile a radio, abbiamo molte ore per ciascuna prova e si può esporre con i commenti, Oltre alla pura informazione può spiegare molto meglio perché le cose accadono, discutere tecnico, formazione, materiale, creare dibattiti, interagire con i seguaci di Twitter, aneddoti ed esperienze.

In linea di principio non c'è differenza tra commentando alla radio o in televisione, che dalla prova o da uno studio perché si vede la stessa immagine. Se questo è diverso da dentro e ha fatto due anni nella squadra del motociclo, Live from entrare gara, molte volte in diminuzione nei porti in cui l'immagine in tv non è buona e la situazione che lei descrive con parole tue o, anche chiedere agli amministratori di andare a vivere dalla stessa finestra delle loro automobili. Devo dire che ho trascorso pacchetto moto più paura nella mia 14 partecipazioni al Tour come un ciclista, sulla moto di controllare la situazione che si.

Il fatto è che la radio è più dinamico rispetto al ritmo della narrazione televisiva, con le chiamate in diretta da molte persone che hanno brillato nel ciclismo e arricchire il programma. La radio lavora di più, in tal senso ad attirare l'vedendo le immagini sullo schermo di un televisore, mentre TV ha ingresso e il valore delle immagini di emissione e rispettare questo però dovrebbe migliorare, potrebbe ottenere il sistema per applicare le trasmissioni radiofoniche.

Infine, sommando un po ', la fornitura di uno specialista è quello di decifrare una situazione di gara che si sta visualizzando come se fossi lì, pedagogicamente explicarlo: dire cosa succede, da ciò che accade, tattiche e analizzare altre possibili alternative che potrebbero accadere, analizzare bene i percorsi, situazioni pericolose e di altri settori che si trovano in una competizione devi decifrare e mettere insieme a voi stanno ascoltando.

D'altra parte è la rivista Ciclismo Fondo scrivo mensile rispondendo ad alcune domande dei lettori e la riproduzione di un argomento interessante come una malattia cronica, Questo tipo di giornalismo è più riflettente, più lento, per cercare e selezionare ciò che può essere più interessante per il lettore sa già di notizie ciclismo.

Eduardo rifugi


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.